18/04/14

IL VANGELO DELLA MOGLIE DI GESU' E' AUTENTICO: FRAMMENTO DI PAPIRO RIPORTA CHE ERA SPOSATO

Un frammento di 8 centimetri di lunghezza per 4 di altezza, scritto su entrambi i lati con un inchiostro nero ormai sbiadito. Quel piccolo lembo di papiro è al centro però di una grande controversia, perché quel testo in copto sahidico ( antica lingua dell’Egitto) e molto danneggiato parla di Gesù e di sua moglie. Ed è bastata questa sola parola per scatenare contestazioni e accuse di falsificazioni, smentite ora da approfonditi esami di laboratorio.

CANALIZZARE E' SEMPRE TRASMETTERE MESSAGGI UTILI E POSITIVI? (MA SOPRATTUTTO VERITIERI E REALI?)

C'è veramente da fidarsi di coloro che canalizzano messaggi e asseriscono essere in contatto medianico con i defunti, i santi, gli angeli e soprattutto la fantomatica federazione galattica di luce con questo e quell'extraterrestre di turno, associato magari a figure cristiche e mariane? E' risaputo che attorno a queste persone si forma un gruppo di fedeli seguaci che in qualche modo hanno bisogno di queste persone per stare bene con se stesse, per avere un conforto ai loro vuoti, paure e disagi interiori e psicologici vari, che hanno bisogno di una guida spirituale, di maestri, di guru quando le persone potrebbero - difficile ma non impossibile e forse non è nemmeno per tutti - diventare maestri di se stesse così da scoprire di non aver più bisogno alcuno di queste persone che si dicono un "tramite" tra noi e una ipotetica dimensione aliena o "regno spirituale superiore", di non aver più bisogno nemmeno delle religioni che considero una spiritualità "primitiva".

16/04/14

INCONTRI RAVVICINATI DEL TERZO TIPO A MASSA: "UN DISCO VOLANTE LUMINOSO SOPRA LA NOSTRA AUTO"

RICOSTRUZIONE DELL'AVVISTAMENTO
Il racconto di un massese e della moglie sulla strada per Pariana. Un incontro ravvicinato del terzo titpo, assicurano. Per loro che hanno vissuto in prima persona l’esperienza non c’è alcun dubbio. Quel «disco luminoso», 8 metri di diametro, che irradiava sopra la loro auto fasci di luce di colore blu elettrico, tanto intensi da rimanere impressi negli occhi per una manciata di secondi, non può che essere stato un ufo, ovvero un oggetto volante non identificato. E in loro ha lasciato il segno, dal punto di vista psicologico. Nel senso che sono rimasti colpiti e sconcertati. Ci hanno pensato a lungo, hanno ripercorso l’accaduto attimo per attimo, come in un film.

15/04/14

SCIENZIATO INGLESE AFFERMA: "I FENOMENI SPIRITUALI ORIGINARI DI ALTRE DIMENSIONI DELLA REALTA'"

Scienza e spiritualità, passo dopo passo, sembrano destinate ad incontrarsi sul cammino della conoscenza. Bernard Carr, astronomo e matematico, ha teorizzato che molti dei fenomeni che riteniamo di origine sovrannaturale, poiché non possiamo spiegarli con le leggi della fisica della realtà in cui viviamo, potrebbero avere origine in altre dimensioni.

14/04/14

LECCE, AVVISTATO E FILMATO UN UFO NEI CIELI DI NOCIGLIA?

Misteriosa apparizione nel pomeriggio nei cieli di Nociglia. Un oggetto non identificato è stato fotografato da una ragazza che ha denunciato l'accaduto ai carabinieri. La notizia sta facendo il giro del paese. Le immagini parlano da sole: in un cielo coperto da nuvole e ancora rischiarato dal sole appare un o strano oggetto  grigio, dalla forma bombata in cima, allungata alla base: è un oggetto non identificato, un ufo, o almeno questo ha pensato una ragazza di Nociglia, che dopo aver immortalato la misteriosa apparizione, ha raggiunto la locale caserma dei carabinieri  ed ha raccontato l’accaduto.

13/04/14

I PLEIADIANI DI PATRIZIA CINOTTI: OMBRE SUL CONTATTISMO

Patrizia Cinotti è una naturopata. Vive e lavora a Verona. La sua vita conobbe una svolta la notte del 31 gennaio 2009, quando una luce inondò la camera in cui la donna dormiva. La Cinotti si accorse che il suo corpo stava ascendendo, avvolto in quel bagliore ed in una sensazione di beatitudine. Si avvide poi di trovarsi in un’astronave dove fu accolta da tre creature di notevole statura e fasciate in tute color cobalto dai riflessi argentei. Fra gli anfitrioni una donna con i capelli a caschetto e sulla cui uniforme facevano bella mostra di sé degli alamari. Ella accolse la Cinotti con un affabile: “Ben tornata a casa, diletta. Siamo Pleiadiani”.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...